Novità di legge e giurisprudenza



Diritto e Giustizia

Anche in caso di difetto di trascrizione, l’assegnatario della casa familiare può impugnare la vendita simulata (mar, 27 set 2022)
«Il difetto di trascrizione del provvedimento di assegnazione della casa familiare legittima l’assegnatario/a ad agire in giudizio ex art. 1415, comma 2, c.c. per far valere la simulazione di atti di alienazione relativi alla casa familiare, indipendentemente dalla circostanza che all’assegnatario/a non debba essere rimproverato un atteggiamento di inerzia nella trascrizione del provvedimento di assegnazione».
>> leggi di più

La riforma del diritto di famiglia (Tue, 27 Sep 2022)
La legge 206 del 26.11.2021 (c.d. Riforma del processo civile), oltre a dedicare particolare attenzione al diritto di famiglia nell’ambito della delega, contempla però anche una serie di disposizioni, di carattere precettivo, che disciplinano tutti i procedimenti instaurati dalla fine del mese di giugno del corrente anno. È indispensabile per il professionista conoscere le norme di immediata applicazione, che incidono in maniera notevole sui procedimenti familiari, prima ancora di approcciare la più ampia riforma di cui ai futuri decreti legislativi. Nell’attesa della costituzione del tribunale unico, sono rivisti infatti i criteri di distribuzione della competenza tra tribunale ordinario e tribunale per i minorenni, che in questi anni, pur dopo la modifica dell’art. 38 disp. att. c.c., hanno dato luogo a numerosi interventi della Suprema Corte. Nello stesso tempo, nell’ambito dei procedimenti de potestate e in quelli della crisi familiare, viene meglio strutturata la figura del curatore speciale del minore, la cui nomina diventa obbligatoria. Ancora, viene notevolmente esteso l’ambito degli accordi di negoziazione assistita, in particolare rendendoli accessibili anche ai genitori non coniugati, quanto all’affidamento e al mantenimento dei figli. È totalmente riformulato l’art. 403 c.c., con la previsione di strumenti di garanzia a favore dei genitori e del minore, in presenza di provvedimenti urgenti della pubblica autorità. Sotto il profilo dell’adempimento dei provvedimenti giudiziali, viene poi parzialmente riscritto l’art. 709-ter c.p.c. e novellato il disposto di alcune previsioni in materia di esecuzione forzata.   Per maggiori informazioni, clicca qui
>> leggi di più

Esclusa la riconciliazione se moglie e marito si prendono e si lasciano post separazione (Mon, 26 Sep 2022)
Irrilevante il dato messo sul tavolo dalla donna e costituito da un periodo di coabitazione sotto lo stesso tetto. Confermato il divorzio tra moglie e marito. Impossibile ipotizzare una effettiva ricostituzione del consorzio familiare attraverso la ricomposizione della comunione coniugale di vita.
>> leggi di più

Natura composita dell’assegno divorzile: rilevante il contributo fornito dall’ex coniuge alla formazione del patrimonio familiare (Mon, 26 Sep 2022)
Ai fini del riconoscimento dell'assegno divorzile, il giudice del merito deve tenere conto sia dell’impossibilità per l'ex coniuge richiedente di procurarsi mezzi economici adeguati a condurre una vita libera e dignitosa, sia del contributo apportato dallo stesso alla costruzione del patrimonio familiare e dell'altro coniuge, valutando in particolare l'incapacità di procurarsi detti mezzi in relazione alle scelte compiute in vista della realizzazione della vita familiare, che abbiano comportato la perdita di opportunità formative o il sacrificio di aspirazioni professionali.
>> leggi di più